Polpette di riso, lenticchie rosse e quinoa con pesto di cavolo nero

Polpette di riso, lenticchie rosse e quinoa con pesto di cavolo nero

Polpette di riso, lenticchie rosse e quinoa con pesto di cavolo nero
5 (100%) 4 votes

Buongiorno a tutti!

Oggi vi propongo delle polpette di riso, lenticchie e quinoa senza lattosio e senza uova  accompagnate da un pesto di cavolo nero.

Qualche tempo fa avevo postato la foto di queste polpette (che nella prima versione erano sotto forma di crocchette) su Instagram e devo dire che vi erano molto piaciute. Siccome erano anche piaciute alla figlia e al marito, le ho rifatte modificando la ricetta iniziale.

Questa è una ricetta per grandi e per bambini.
In molte mi chiedete cosa mangia Tilde e delle ricette specifiche per bimbi piccoli. Da quando abbiamo iniziato l’autosvezzamento a nove mesi e mezzo (ora siamo a sedici), Tilde ha sempre mangiato ciò che mangiamo noi. Abbiamo ripulito ancor di più la nostra alimentazione in modo tale che lei potesse assaggiare/spiluccare/pasticciare/mangiare senza problemi tutto ciò che consumiamo noi. E così non è più stressante pensare ad organizzare i suoi pasti e i nostri, ma anzi è diventato ancora di più un piacere cucinare uguale per tutti.

polpette di riso

Queste polpette di riso, lenticchie e quinoa non contengono lattosio e nemmeno uova e si accompagnano perfettamente al pesto di cavolo nero, olive e mandorle. Inizialmente nato come pesto, con cui poter anche condire un piatto di pasta, si è poi trasformato in una salsa super
versatile da accompagnamento!

pesto di cavolo nero

Se avete provato questa ricetta lasciateci un commento qui sotto o fateci un fischio sulla pagina Facebook. Se, invece, pubblicate la foto del vostro capolavoro su Instagram ricordate di taggarmi @glicerinia e di aggiungere l’hashtag #diversamentelatte

Ingredienti per 30 polpette circa
Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 40 minuti totali

Cosa serve

  • Per le polpette:
  • 100 g di riso bianco
  • 100 g di lenticchie rosse
  • 50 g di quinoa bianca
  • 95 g di zucchine (al netto degli scarti)
  • 1 cipollotto (15 g circa)
  • 30 g di mandorle
  • 10 foglie di basilico (o altra erba aromatica)
  • Succo di mezzo limone
  • Pangrattato q.b.
  • Sale
  • Olio
  • Per il pesto:
  • Foglie di cavolo nero
  • 10 olive taggiasche
  • 30 g di mandorle senza pelle
  • 30 g di semi di zucca
  • Succo di mezzo limone
  • Sale
  • Olio extravergine d’oliva

Come si fa:

  1. Sciacquate il riso, le lenticchie e la quinoa sotto l’acqua corrente. Riponeteli in una pentola dai bordi alti e ricoprite con acqua. Nel momento in cui l’acqua inizia a bollire, fate cuocere per 20 minuti circa. Dopodiché scolate e passate sotto l’acqua corrente per fermare la cottura.
  2. Nel mixer versate le mandorle, le zucchine e il cipollotto tagliati a tocchetti, il basilico, il succo di limone e frullate per qualche secondo. Per ultimo versate il riso, le lenticchie rosse, la quinoa e aggiustate di sale. Frullate ancora per qualche secondo, fino ad ottenere una consistenza omogenea.
  3. Trasferite il composto in una ciotola e aggiungete il pangrattato per ottenere una consistenza compatta. Prelevate dell’impatto con le mani, “sporche” di olio, formate delle palline e adagiatele su una teglia ricoperta con carta forno. Infornate – in forno preriscaldato e in modalità statica – a 180 gradi per 20 minuti circa.
  4. Per il pesto di cavolo nero dovete lavare le foglie, togliere la parte centrale molto dura e cuocerle per 15-20 minuti in acqua bollente. Tiratele fuori, aspettate che raffreddino e strizzatele con le mani per togliere tutto il liquido in eccesso. Mettetele nel bicchiere del frullatore e aggiungete le mandorle, i semi di zucca, il succo del limone, il sale e l’olio. Frullate fino a che non raggiungete una consistenza omogenea. Il pesto si conserva per 2-3 giorni in frigorifero, in un vasetto di vetro e la superficie sempre ricoperta di olio extravergine di oliva.

Risultato finale:

polpette di riso ricetta per bambini

polpette di riso e lenticchie

Dicci la tua...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*