Bagna caoda senza lattosio

di diversamentelatte
diversamentelatte bagna caoda senza lattosio

Sottotitolo: perché la mia famiglia è differente! La sensibilità all’intolleranza al lattosio di LUI ha spinto la mia famiglia a creare una bagna caoda ad hoc con latte e panna di soia.
Pranzo di Natale quindi decisamente alternativo con una rivisitazione della classica ricetta piemontese a base di olio extra vergine di oliva, aglio e acciughe. La bagna caoda si consuma intingendovi vari tipi di verdure crude o cotte della stagione autunnale-invernale.
Sulla nostra tavola è stata servita sia come antipasto su peperoni cotti precedentemente alla brace e privati della loro buccia (vedi foto laggiù) e come seconda portata in coppette singole pronte all’intingolo.

Ps: a nessuno dei commensali è stato riferito dell’utilizzo di ingredienti diversi rispetto alla ricetta tradizionale. Nessuno si è accorto della differenza, ma tutti hanno leccato i piatti!

Cosa serve (ingredienti per 4/6 persone):

  • 4 spicchi di aglio
  • 500 grammi di acciughe
  • 1/2 bicchiere di latte di soia
  • 1 scatola di panna di soia
  • Olio extra vergine di oliva
  • Verdure crude miste a volontà

Come si fa:

1. Tagliare gli spicchi d’aglio a pezzetti (in caso di difficoltà digestiva consiglio di togliere prima l’anima) e riporli in un pentolino con mezzo bicchiere di latte di soia. Far bollire e quando il latte sarà evaporato schiacciare con la forchetta l’aglio.

2. Da parte mettere in una casseruola le acciughe con qualche cucchiaio del loro olio e qualche altro cucchiaio di olio evo. Far bollire per 20/30 minuti fino a che le acciughe non si saranno sciolte. Nel frattempo, quando sarà pronto, aggiungere l’aglio schiacciato.

Bagna couda

Bagna couda

3. Passaggio facoltativo: verso la fine della cottura – se si vuole una bagna couda un pò più cremosa – aggiungere la panna di soia e far bollire ancora per 5/10 minuti.

4. Nel frattempo lavare e tagliare le verdure che si sono scelte. Sulla nostra tavola solo verdure crude: cardo, rape bianche, finocchi, peperoni ravanelli, sedano, cipollotti e patanabò (alias topinambour).
Servire la bagna caoda ancora fumante accompagnata rigorosamente da un buon vino rosso corposo.

Come antipasto su peperoni cotti alla brace:

Bagncouda su peperoni

 Con la ricetta della BAGNA CAODA NO-LATTOSIO abbiamo partecipiamo al Contest
“Idee per il menù delle Feste” di Acqua&Menta… e ora la puoi trovare all’interno del ricettario in pdf da loro realizzato!

 

Potrebbero Interessarti Queste Ricette

2 commenti

Acqua e Menta 10 Gennaio 2014 - 12:32

Fantastico, adoro ricevere le ricette regionali!! Famosa la “bagna caoda”, sentita nominare mille volte, ma non avevo idea di cosa fosse 😀 aggiungo subito alle ricette partecipanti!!

Rispondi
diversamentelatte 10 Gennaio 2014 - 12:46

Siamo contenti che la nostra rivisitazione no-lattosio della bagna caoda possa partecipare al contest… Grazie!!

Rispondi

Lascia un commento