Rosti di sedano rapa con hummus di barbietola

Rosti di sedano rapa con hummus di barbietola

Vota per questo articolo!

E’ lunedì e fuori piove: oramai una consuetudine! Per far si che la malinconia non mi prenda in ostaggio, quale buon modo per fronteggiarla se non mettendosi ai fornelli? Presto fatto…
E’ da ieri che le mie meningi sono in funzione per pensare a cosa cucinare per il contest dei nostri amici Acqua&Menta il cui tema è “Le nostre radici: tutto ciò che cresce sotto terra“. In questa ricetta, che fra poco vi proporrò, sono state utilizzate due radici commestibili (il sedano rapa e lo zenzero) e un tubero (la barbabietola rossa).
Con il sedano rapa ho deciso di provare a cucinare un rosti che avevo già preparato ma a base di porri ed era stata una delle primissime ricette pubblicate su questo blog! Invece con la barbabietola ho continuato la saga dell’hummus (dopo quello con le lenticchie e con la zucca). Vi ricordo che se non avete in casa la pasta di sesamo non vi dovete preoccupare perchè potete benissimo farvela da voi (qui la ricetta).
Ora bando alle ciance, vi lascio con la preparazione del piatto… e buona settimana a tutti!

Cosa serve

Ingredienti rosti sedano-rapa e hummus barbabietola

Per l’hummus di barbabietola:

  • 250 grammi di barbabietola rossa precotta
  • 4 cucchiai di confettura di cipolla
  • 5 cm di radice di zenzero fresco
  • 4 cucchiaini di tahina (o pasta di sesamo)
  • Succo di 1/2 limone
  • Sale aromatizzato alle erbe
  • Olio extra vergine d’oliva

Per il rosti di sedano rapa:

  • 250 grammi di sedano rapa
  • 2 patate di grandezza media
  • Pecorino sardo
  • Erba cipollina secca
  • Olio extra vergine di oliva

Come si fa:

1. Preparazione dell‘hummus di barbabietola.
Per prima cosa affettare la barbabietola e riporla in un contenitore. Aggiungere la radice di zenzero spellata e grattugiata, la confettura di cipolla, la pasta di sesamo, il succo di mezzo limone, il sale e – se serve – un goccio di olio evo. Inserire il frullatore ad immersione e frullare tutti gli ingredienti fino a che il composto non raggiunge la densità preferita.

Hummus di barbabietola

2. Preparazione del rosti di sedano rapa.
Portare ad ebollizione un pentolino con dell’acqua e far bollire le patate per 15 minuti. Nel frattempo spellare il sedano rapa e grattugiarlo. Posizionare sotto la grattugia un pezzo di carta assorbente, così assorbirà l’acqua del sedano rapa in eccesso.

3. Quando le patate saranno pronte, lasciarle raffreddare, spellarle e grattugiarle. Metterle all’interno della ciotola dove si trova il sedano rapa. A questo punto aggiungere il pecorino precedentemente grattugiato (a seconda dei vostri gusti!), il sale e l’erba cipollina. Mescolare bene il composto, formare delle palline e schiacciarle con le mani.

4. In una pentola antiaderente far scaldare un goccio di olio evo e quando sarà caldo adagiarvi delicatamente i piccoli rosti. Cuocere qualche minuto da entrambe le parti (fate molta attenzione a quando li girerete, perché potrebbero rompersi!).

Risultato finale:

Rosti-di sedano rapa e hummus

Rosti di sedano rapa con hummus barbabietola

Con questa ricetta partecipiamo al contest “Le nostre radici: tutto ciò che cresce sotto terra” di Acqua&Menta

contest02_radici

6 Commenti alla ricetta

  1. Meraviglioso… ho intravisto questa ricetta su facebook prima di vedere il vostro commento e ho aperto il link proprio sperando che partecipaste al nostro contest… Bravi davvero, ricetta molto gustosa e molto… underground!!! 🙂

  2. Originale, complimenti

  3. Una ricetta davvero originale, mi piace! In particolare mi incuriosisce l’hummus di barbabietola…l’insieme di ingredienti che avete usato immagino smorzi un po’ il sapore, che io trovo spesso troppo dolciastro, della barbabietola…o sbaglio?

    • Grazie! Si, la confettura di cipolla e lo zenzero rendono la barbabietola meno dolciastra. Tra tutti gli hummus fatti, questo che è nato come puro esperimento, è quello che preferiamo! 🙂

Dicci la tua...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*